Halloween. Nel periodo più spooky dell’anno, magari avrete voglia di solleticare la fantasia con sessioni di gioco venate di horror. Probabilmente la realtà sta superando qualsiasi immaginazione ed è più dura che mai, ma una sessione in cui ci si abbandona ad un’avventura horror potrebbe risultare un toccasana per distrarsi e tornare con rinnovate energie alla vita di tutti i giorni.

Ed ecco che in vostro soccorso arriva questo speciale, in cui vi verranno descritti cinque giochi molto differenti tra loro per gameplay e stile, ma con dei fattori in comune. In un modo o nell’altro, ognuno ha attinenza col genere horror, o crea tensione durante la partita, con più o meno brividi. Questo elenco non ha ovviamente la pretesa di essere completo o rappresentare un “best of”, ma speriamo possa farvi scoprire un nuovo titolo da esplorare!

Lanciamoci in questa panoramica, buona lettura!

Asobi

Brevissimo indie di Team SolEtude, è disponibile su itch.io (qui il link). Quello descritto da Asobi è un viaggio che diventa incontro tra due solitudini, in cui potremo rivolgere delle domande alla ragazza a cui stiamo dando un passaggio. Non è possibile avere ogni informazione in una sola partita, ma potremo costruire un quadro generale sulla storia della giovane.

Una scelta molto efficace nella narrazione è nel formato 1:1 delle inquadrature, che sembrano quasi divenire una gabbia, e la decisione di utilizzare monocromie. Questo cambia nelle scene in cui il personaggio rievoca il passato, che fanno riferimento alla tecnica del pillow shot di Yasujiro Ozu, mostrando ambientazioni intessute di ricordi, ma vuote.

In brevissimo: Una piccola dose di brividi e mistero

Piattaforme: PC

Until Dawn

Until Dawn raccoglie diversi cliche del genere dei B movie horror, da cui pesca a piene mani, e permette di affrontarli con le proprie scelte. Una rimpatriata di gruppo un anno dopo uno sfortunato evento si trasforma in una notte di orrore, segnata da misteri e verità che gradualmente saranno disvelati… se riuscirete a restare vivi.

A stupire del gioco è l’importanza di molte decisioni e prestazioni con i Quick Time Event. Anche al termine di una sequenza in cui abbiamo fatto saltare, schivare ed evitare ogni pericolo al personaggio che stiamo controllando attualmente, una svista potrebbe causarne la fine prematura.

Affrontare il pericolo, con uno strumento, se in precedenza ne avevamo lasciato uno a disposizione, o senza, scappare, poter contare sull’aiuto altrui: l’esito di diversi momenti si somma per dar vita ad una run unica: la nostra. Molto interessante il sistema dei totem, collezionabili che svelano diverse profezie su cosa potrebbe aspettarci, e possono potenzialmente salvarci.

In brevissimo: Il battito d’ali di una farfalla può rovinare una giornata.

Piattaforme: PS4

Oxenfree

Titolo di Night School Studio. Impersonando Alex, dovremo indagare i segreti di una misteriosa isola, tra enigmi e presenze misteriose. Voci dal passato, una dimensione “altra”, tentano di comunicare con noi attraverso la radio, e alterano lo spaziotempo. In particolare in questo titoli sono ben scritti i dialoghi tra i personaggi, che fluiscono in modo realistico mentre scegliamo in punti fondamentali come sviluppare la storia.

In brevissimo: Onde radio e chiacchiere fantasmagoriche.

Piattaforme: PC, PS4, XBox One, Switch, Mobile

The Binding of Isaac

Un roguelike dall’immaginario disturbante, The Binding of Isaac ci pone nei panni di un ragazzino scampato alla furia mistica della madre, invasata. Ma può davvero dirsi in salvo? Schiere di demoni, creature oscene e vomitevoli partoriti dagli incubi più horror vorrebbero dire la propria. In ogni partita si tenterà di raggiungere la fine attraverso dungeon generati casualmente, tra potenziamenti, nemici ed aree differenti.

In brevissimo: Lacrime , raccapriccio e sangue

Piattaforme: PC, PS4, XBox One, Switch

999: 9 Hours 9 Persons 9 Doors

Titolo originariamente pubblicato su Nintendo DS, più che horror è un thriller con numerosi twist, ma non mancano momenti terrorizzanti. Un misterioso individuo rapisce nove sconosciuti, che si ritrovano su una nave, e li costringe ad affrontare prove letali, bombe ed enigmi. L’avventura viene vissuta dal punto di vista del giovane Junpei. Particolarmente famoso per il crudo Axe Ending, tra i vari finali, 999 offre un mix affascinante, sorretto da una colonna sonora con track perfette per solleticare l’ansia di chi affronta ogni stanza come se fosse l’ultima, e bei dialoghi con digressioni, ma che non annoiano mai. .

In brevissimo: La paura fa nove

Piattaforme: Nintendo DS, PS4, PC

Se desiderate leggere ulteriori news, approfondimenti e recensioni, continuate a seguirci sul sito (link) e sui social Facebook, Twitter e Instagram! Abbiamo anche un canale Telegram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.