Sconti di Natale su Nintendo Switch: i consigli di CineWriting

Dopo le Cyber Offerte di qualche settimana fa, arrivano gli Sconti di Natale su Nintendo Switch. Centinaia i giochi in offerta sull’eShop. Iniziati ieri, dureranno fino al 31 dicembre, dunque c’è tempo per riflettere. Magari quel titolo che avevate messo nella lista dei desideri ha raggiunto un prezzo al quale decidete di non lasciarvelo sfuggire… oppure potete approfittarne per provare qualche titolo inusuale.

Noi di CineWriting siamo qui per darvi una mano, con una lista di proposte attualmente a meno di 10 Euro grazie agli sconti, che spaziano tra diversi generi! Per ogni titolo, ci sarà una piccola scheda di accompagnamento che lo descriverà, e in caso sia stato precedentemente coperto da un articolo sul sito, ne troverete il link. Buona lettura!

Severed (4.49 €, 70% di sconto)

Mentre scorrevo la lista degli Sconti sull’eShop di Nintendo Switch, vedere questo titolo di DrinkBox Studios, creatori di Guacamelee!, ha portato a galla dei ricordi… lo recuperai su PS Vita, ed era particolare col suo mix di colori sgargianti, acidi, e affettamenti. Sono presenti statistiche, ma il nucleo del gameplay è nei controlli touch degli scontri, da affrontare in prima persona mentre esploriamo vari dungeon. Occorrerà utilizzare swipe precisi per colpire punti deboli, spezzare guardie, proteggersi, e affrontare più nemici (non con una grande varietà, ma il viaggio è mediamente breve).

In breve: l’incontro tra Fruit Ninja e Infinity Blade. Qui il link alla pagina del negozio.

Shove Knight Shovel of Hope (9.36 €, 38% di sconto)

“Il mondo si divide in due categorie: chi ha la pistola carica… e chi scava”. Shovel Knight è il riscatto di tutti gli scavatori del mondo da questa celebre frase dal film Il buono, il brutto e il cattivo, e mostra come una pala possa cambiare il mondo. In questo titolo 2D in stile retrò si controlla un prode cavaliere che, per salvare l’amata Shield Knight, affronterà una squadra di temibili boss nei propri regni, e i loro sottoposti. L’azione è frenetica: si avanza evitando tranelli, e cercando diversi tesori, in scenari dalla grafica deliziosa. Shovel of Hope è l’originale capitolo venduto come standalone, ma il gioco si è poi espanso con altre campagne, ognuna con meccaniche nuove. L’insieme dei capitoli è nel pacchetto Shovel Knight Treasure Trove.

In breve: EHI-HO! EHI-HO! Andiamo ad esplorar! (semi-cit). Qui la pagina del titolo.

If Found… (7.69 € , 50% di sconto)

If Found...

Il titolo di DREAMFEEL ci vede affrontare due avventure, unite da un filo: una spaziale, ed un’altra personale. A mio avviso, l’unione tra questi due mondi non sempre è convincente, ma al suo cuore If Found… offre personaggi e situazioni interessanti, con bei dialoghi. Un viaggio di accettazione e riscoperta. L’approccio narrativo è unico, e ci vede avanzare cancellando elementi dallo schermo, un gesto simbolico ma che modifica il mondo di gioco. Dalla recensione (che potete leggere qui), alcune righe sull’aspetto visivo, decisamente peculiare e d’impatto:

A saltare subito all’occhio è lo stile grafico del titolo. I personaggi sono come abbozzati, quasi rapidi sketch che Kasio ha disegnato sul proprio diario.  Non mancano diverse note di colore, quando dalla carta si passa direttamente ai ricordi, o ancora a tonalità quasi acide, nelle situazioni in cui si segue Cassiopeia nella sua avventura spaziale. A volte un personaggio può essere anche solo una fragile silhouette che tremola, una macchia di colore in un oceano di bianco, o ancora un motivo ricorrente sullo sfondo. I dettagli si svelano con un passaggio della fidata gomma, o ancora questo gesto può dar vita ad uno zoom, e far trascorrere il tempo.

In breve: Un’avventura in punta di gomma da cancellare. Qui la pagina del titolo.

Slay the Spire (14.99, 40% di sconto)

Roguelike + cardgame. Basta questo per descrivere istantaneamente questo titolo. Dopo aver scelto un personaggio, con proprie strategie, dovremo affrontare diversi piani di un dungeon… attraverso battaglie di carte! Il deck iniziale verrà progressivamente potenziato con nuove mosse, potremo forgiarle per aumentarne l’efficacia, e avremo a disposizione oggetti per sopravvivere agli scontri più duri. Un sistema di mana limita le azioni per turno, quindi non si tratta di giocare senza alcun pensiero l’intera mano, ma gestire come possibile le risorse. Degli indicatori ci comunicano quali saranno le prossime intenzioni dei nemici, dunque occorre agire con cautela. Trattandosi di un roguelike, ad ogni tentativo il viaggio sarà diverso, e anche i viaggi che si concludono in sconfitte portano a bonus come nuove carte per i nostri deck.

Il deckbuilding è senza dubbio l’aspetto più affascinante. Come in Hades o Dead Cells occorre prendere al volo decisioni importanti per la propria build della partita in corso, qui aggiungeremo progressivamente più carte, aprendo la strada a strategie precise, o cercando di costruire un deck che possa affrontare il maggior numero di situazioni.

In breve: Il cuore delle carte batte forte in un dungeon. Qui il link alla pagina.

The stillness of the wind (4,02 €, 65% di sconto)

Una premessa importante: questo titolo è forse tra i meno immediati di sempre, e non lo consiglio a tutti. Stillness of the Wind, di Memory of God/Lambic Studio, è fatto di attese. Talma, diversamente dalla famiglia che si è trasferita in città, è l’ultima rimasta nella vecchia casa, in un ambiente inospitale, lontano dal mondo. Da questo microcosmo, riceve notizie tramite un postino e mercante, unico punto di contatto con l’esterno. Le sue giornate scorrono in un ritmo placido, tra l’acqua da prendere al pozzo, e gli animali da accudire, le sue impronte si accumulano sulla sabbia, mostrando il cammino percorso. Attraverso il suo gameplay, questo titolo racconta la solitudine, e legami che sembrano sfuggire tra le mani a causa del tempo. Se volete approfondirlo, su CineWriting è stato pubblicato uno speciale, suddiviso in una sezione priva di spoiler, ed un’altra che analizza ulteriormente il titolo: qui il link.

In breve: I videogiochi incontrano il regista Béla Tarr.

Speriamo che questo speciale possa esservi stato utile! Continuate a leggere i nostri articoli su CineWriting! Seguiteci sui social Facebook, Twitter, Instagram, su Telegram e su Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.