Dodgeball Academia – Palle distruttive, supertecniche e battaglie spettacolari.

We’re ready!

Sin dai tempi dell’asilo, ogni persona ha dovuto combattere i suoi demoni interiori in una guerra logorante di dimensioni titaniche. Ogni individuo, nel corso della propria vita, ha affrontato delle forze minacciose che minavano la sua intera esistenza.

Man mano che l’individuo cresceva, le Forze del Male aumentavano d’intensità. Con la propria forza di volontà, ogni essere umano usò qualsiasi cosa in proprio potere per sopravvivere a quelle ore di caos, stanchezza, minacce, tristezza e dolore. I sopravvissuti riconoscono questa guerra come “Il Gioco della Morte”, ma per la massa inconsapevole assume un nome del tutto diverso, senza pericolosità e senza alcuna minaccia: la Palla prigioniera.

Otto x tutti

Nuovo mese, nuovi giochi sul Game Pass completamente gratuiti (no, non sto facendo pubblicità al servizio che vanta una collezione di giochi gratuiti). Questa volta è il turno di Dodgeball Academia che, come suggerisce il nome, parla proprio di una scuola per giocatori di questo particolare sport. Impersoneremo l’arrogante Otto, un ragazzo tutto pepe che non vede l’ora di diventare il top player dell’accademia.

La Fireball deve sempre essere presente

Passati i primi momenti di gioco, dove vari tutorial che ci insegneranno i fondamentali per poter letteralmente “spaccare la faccia a suon di pallonate” i nostri avversari durante le lezioni guidate, il team acquisirà i primi compagni per poter partecipare al torneo accademico: la scapestrata Mina e “lo sfigato” Balloony. Questi sono solo i primi di una serie di personaggi unici che si uniranno a noi nel corso dell’avventura.

Le battaglie sono molto frenetiche e divertenti, completamente diverse l’una dall’altra grazie alla varietà di mosse e personaggi nel titolo. La scelta di rendere il gioco un RPG permette un’ottima regolazione degli scontri della trama principale, ed alimenta il desiderio di intraprendere quest secondarie per aumentare il proprio potere combattivo.

Cos’hai sulla faccia? Dolore!

Ogni allievo dell’accademia ha il proprio stile di gioco ed un proprio elemento, presentando modi diversi anche nella difesa di attacchi avversari. Partendo da chi può parare i tiri in arrivo a chi li rispedisce al mittente con un poderoso calcio, ogni personaggio rende la partita elettrizzante e diversa ogni volta. In aggiunta, ogni giocatore avrà a disposizione un proprio colpo speciale: ad esempio, Balloony creerà una pozza curativa sotto di sé mentre Otto userà una particolare versione di tecnica appartenente ad un anime veramente poco famoso…

Kamehamehaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

Ogni partita porta diverse regole, ma il medesimo obiettivo: azzerare la forza vitale avversaria, segnata dall’apposita barra in basso a destra, stando ovviamente attenti a non finire KO nel mentre. Durante gli scontri, possono capitare regole diverse, come la presenza della zona prigionieri oppure una squadra nemica molto numerosa. Importante rimane il discorso sui livelli, dove basta un semplice tiro a ridurre a zero la vita di un nemico notevolmente più debole, come la richiesta di strategie complesse per un livello maggiore.

Forse non sai che:

Il dodgeball e la palla prigioniera non sono il medesimo sport. Nel dodgeball, non esiste la zona di prigionia e si gioca con più palloni, mentre nella palla prigioniera viene utilizzato un solo pallone. Anche il numero di giocatori è diverso: nella palla prigioniera ci sono 4 giocatori per campo, mentre nel dodgeball il numero sale a 6!

Rotola che ti passa!

Per muoversi velocemente, gli sviluppatori hanno introdotto la divertente possibilità di trasformare il nostro Otto in una palla, utile per coprire le distanze da un punto ad un altro ma difficile da controllare.

“Zitto e rotola, rotola e zitto” (semicit.)

La grafica è un simpatico e colorato 3D senza troppe pretese. Un lavoro svolto in tutta semplicità ma d’effetto, ciò che si vede a schermo è piacevole per gli occhi e non cerca di strafare inutilmente, le ombre dei vari oggetti sono disegnate in maniera intelligente; forse un design più accurato e vario degli NPC di contorno avrebbe potuto restituire meglio la sensazione di esplorare un’accademia, ma va bene così.

Difficile trovare difetti in questo titolo, non è sicuramente un gioco che possa competere sul mercato con nomi importanti, ma sento di poter consigliare Dodgeball Academia come un bel passatempo.

Qui il sito ufficiale di Dodgeball Academia. Ehi, ci sono molti altri articoli! Continuate a navigare su CineWriting, e non dimenticate di seguirci su Instagram, Twitter e Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.