Intervista con Kitty in a Box, dietro le quinte di Mini Racing World.

Come specificato nel relativo articolo di recensione di Mini Racing World (se non l’avete letto, ecco qui il link), ho avuto il piacere di fare due veloci chiacchiere con il team che lo ha sviluppato: Kitty in a Box.

CineWriting logo Game con sfondo bianco - Quadrato

Ciao Alejandro, e grazie per il tuo tempo per questa intervista. Partiamo dalle basi: Kitty in a Box. Presentatevi un po’. Chi siete? Quanti siete nel team? Qual è la vostra storia?

Ciao, siamo un piccolo team formato da 3 persone e un esterno. Il team è nato con la volontà di concludere un progetto e pubblicarlo. Ci siamo conosciuti alla scuola Event Horizon di Torino, dove abbiamo lavorato anche ad altri progetti.

Io sono il modellatore 3D e programmatore; Samuele è il designer; Veronica la concept artist che ha creato qualche elemento dell’interfaccia grafica e Kevin ha composto le canzoni presenti in gioco.

CineWriting logo Game con sfondo bianco - Quadrato

Veniamo a Mini Racing World. Da dove nasce l’idea di base del gioco? Vi siete ispirati a qualche titolo del passato?

Il titolo nasce da una mia idea: un gioco di guida semplice e immediato che è poi stato espanso ed è diventato Mini Racing World. Sin dal primo prototipo erano presenti elementi legati alla distruzione che sono poi diventati parte integrante del gioco, soprattutto nella modalità Minikhana, dove è possibile tirare giù muri di gomme e altri oggetti. Questa è stata la base di partenza, dopodiché abbiamo aggiunto contenuti e funzionalità.

Ci siamo ispirati a Micro Machines, Ignition e per la parte di modifiche delle auto a Need For Speed Underground 2.

CineWriting logo Game con sfondo bianco - Quadrato

Tecnicamente parlando, cosa avete usato per sviluppare Mini Racing World? Quali software e quali competenze sono state necessarie? Le avevate tutte oppure avete dovuto imparare qualcosa di nuovo?

Abbiamo usato Unity 3D come motore di gioco e Fmod per l’audio; Blender per la modellazione 3D, mentre per quanto riguarda la creazione delle texture di gioco, sono stati utilizzati Gimp e Krita.

Abbiamo imparato molto, soprattutto dal punto di vista della programmazione, dato che sono principalmente un artista 3D. Il progetto era inizialmente più piccolo e non prevedeva auto controllate dalla AI inserite poi in seguito, così come non comprendeva un Hub Open World ad esempio.

CineWriting logo Game con sfondo bianco - Quadrato

Parliamo ora di futuro: cosa c’è nel futuro di Kitty in a Box? State già lavorando a qualche nuovo titolo oppure vi dedicherete a Mini Racing World per nuovi contenuti? Magari un DLC?

Abbiamo alcuni progetti non annunciati in sviluppo. Non abbiamo ancora notizie certe, ma potrebbe non volerci molto prima che il prossimo gioco venga annunciato. Per quanto concerne Mini Racing World, la volontà è di supportarlo con patch se necessario e con DLC gratuiti se il gioco riscuoterà un certo successo.

CineWriting logo Game con sfondo bianco - Quadrato

Grazie ragazzi, per il vostro tempo e per avermi permesso di provare Mini Racing World. A presto e in bocca al lupo!

Potrete trovare la recensione di Mini Racing World sul sito. Per ulteriori articoli, continuate a navigare su CineWriting, e non dimenticate di seguirci su Instagram, Twitter e Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.