God Eater 3

God Eater 3

Disponibile per
Genere

Action-RPG

Data di uscita

8 febbraio 2019

Team di sviluppo

Marvelous

Publisher

Bandai Namco Entertainment

Offerte
L’improvvisa comparsa delle Terre Cineree, una immensa tempesta capace di tramutare ogni cosa tocchi in cenere, mette in difficoltà le poche divisioni rimaste sotto al comando della Fenrir. I sopravvissuti alla tempesta si rifugiarono negli Approdi, dei bunker sotterranei allestiti spartanamente, dove fungono da alloggio per la nuova generazione di God Eater Adattabili, uniche persone in grado di resistere alla minaccia degli Aragami e dagli effetti corrosivi delle Tette Cineree. Ed è proprio questa loro natura a farli avvicinare alle stesse creature che combattono, venendo quindi visti come esemplari pericolosi, tanto da venire ammanettati quando non operativi.

God Eater 3, tra avatar e innumerevoli armi

Dopo le remastered uscite poco più che tre anni fa, la serie di God Eater torna a farsi sentire con un nuovo capitolo.

All’inizio avremo la possibilità di creare il nostro avatar; una volta pronto ci ritroveremo a scoprire che siamo degli strumenti di caccia, cui è possibile uscire dalla cella solo ed esclusivamente per andare in missione. Se avete giocato ad un capitolo della serie di Monster Hunter troverete molte similitudini nello svolgimento delle missioni. Basti guardare l’assortimento di armi, numeroso tanto da convincere i più indecisi prima di scegliere quella che più gli aggrada. Lo stile di combattimento è dinamico e rapido, con combo aeree oltre che terrestri, minato solo a volte dalla telecamera poco precisa.

God Eater 3

Dalla spada ad una e due mani passiamo alle lance ed ai martelli, avremo anche la possibilità di utilizzarmi armi più esotiche come falci o particolari mezzelune. Questo indica anche una diversa tipologia di danni, dai taglienti ai perforanti che indicano anche come lo studio del nemico e la messa a punto di una strategia d’attacco siano molto importanti.

Tra i difetti del titolo c’è la caratterizzazione della maggior parte dei protagonisti, accomunati dal problema di un’anonimità di fondo sconcertante. Pesante è anche il continuo rallentamento del ritmo di gioco dovuto dai dialoghi forzati a bordo della carovana, nostro quartier generale dopo le prime ore di gioco.

Affilando le nostre armi

Se nei precedenti titoli gli Aragami che andavamo combattendo erano agili e veloci mentre noi eravamo come appena svegli da una notte di baldoria, ora avremo la possibilità di caricare in avanti saltando verso il nemico. Si tratta di una meccanica davvero utile, soprattutto per coprire distanze in breve tempo. I nostri compagni forniranno un aiuto piuttosto considerevole grazie ad un’ottima IA; essi saranno capaci di infliggere molti danni ai nemici che stiamo combattendo, sfruttandone anche debolezze e particolarità senza dimenticarsi di venire in nostro soccorso una volta esausti per rimetterci in sesto.

La scelta delle armi influisce molto sulla durata delle battaglie; avendo a disposizione un numero interessante di armi e fucili, dovremo trovare la giusta combinazione per ottenere un buon mix di efficacia in battaglia. Il più delle volte vi troverete a farmare oggetti per costruire armi più potenti, ma la difficoltà del titolo non preclude un avanzamento rapido nella storia; saltando molte missioni secondarie si può arrivare comunque al termine del gioco in una ventina di ore.

God Eater 3

Di contro abbiamo invece l’ambientazione: per quanto suggestiva possa risultare, presto ci accorgeremo di continuare a combattere i mostri nelle stesse mappe, che a lungo andare stufano. La nostra routine si baserà su eliminare Aragami per salvare vite o eseguire fasi di un piano più elaborato, ma saranno battaglie che si consumeranno sullo stesso ghiaccio, sulla stessa terra desertica e sulla stessa terra erbosa: God Eater 3 si porta purtroppo dietro una ripetitività di fondo infinita per quanto riguarda gli scenari.

Ultimo, ma non per importanza, è il comparto online, privo in realtà di miglioramenti degni di nota. Il matchmaking permette di formare una squadra fino a quattro giocatori, mentre negli incarichi speciali i posti nella nostra squadra sono aumentati fino ad otto per affrontare particolari Aragami entro un tempo limite per riscuotere ricchi premi in caso di eliminazione. Nonostante qualche mancanza, l’online di God Eater 3 è divertente e rende da solo il gioco più accattivante: lavorare di squadra in combattimento con gli amici non ha prezzo.

Commento finale:

Bandai Namco cerca di cavalcare l’onda di successo dei titoli precedenti della saga realizzando purtroppo un titolo che non riesce a dire la sua come ci aspettavamo. Sotto la corazza di God Eater 3 si nasconde un incredibile potenziale non sfruttato a dovere, proponendo un lavoro che sa di già visto. Buon gioco e interessante trama post-apocalittica, ma difficilmente può essere consigliato a qualcuno non appassionato del brand e della caccia ai mostri. Un vero peccato, date le potenzialità della saga!

 

Recensione a cura di Simone Mantovani.

 

Per ulteriori recensioni, approfondimenti e news, continuate a seguirci su Cinewriting!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sconti di Natale su Nintendo Switch: i consigli di CineWriting

Dopo le Cyber Offerte di qualche settimana fa, arrivano gli Sconti di Natale su Nintendo Switch. Centinaia i giochi in…

Devotion, l’horror game censurato appare su GOG… anzi, no.

Stavo navigando su Facebook, quando mi è capitato sotto gli occhi questo post dell'Archivio Videoludico, riguardante l'horror game Devotion, dello…
Logo di Indie World

Nintendo Indie World, le novità del 15 dicembre!

Nella cornice della presentazione Indie World, Nintendo ha mostrato informazioni e date d'uscita di diversi titoli. Vediamoli assieme! Nel box…

Genshin Impact 1.2 . Le novità in arrivo, e lo Special Program

Tramite due diversi video, Mihoyo ha annunciato le novità che ci attendono prossimamente nell'open world Genshin Impact, con la patch…

CyberPunk 2077. Lo stato attuale delle versioni old gen, rischi di epilessia e considerazioni sparse.

Premessa. Quella che segue non è assolutamente una recensione o anteprima. Semplicemente, si tratta di una "fotografia" di quel che…

6.5

OK

Pro

  • Ambientazione e storia di base di livello
  • Gameplay rapido per una buona dose action
  • Componente online divertente, specie tra amici

Contro

  • Narrazione a tratti fredda e piuttosto lenta
  • Caratterizzazione dei personaggi non eccelsa
  • Molto ripetitivo